giovedì 30 agosto 2012

"La crocifissione" di Grunewald, Colmar e dintorni.


Oltre a Notre Dâme du Hout di Ronchamp, la famosa Pala d'Issenheim di Matthias Grunewald era il "pezzo forte" che,  secondo i più,  valeva l'intero viaggio. 
Custodito nell'antico monastero dei Domenicani d' Unterlinden del XIII secolo, il museo presenta una collezione di opere dell'arte renana dalla fine del Medio Evo sino al Rinascimento.










Particolare del Crocifisso, (mi scuso per la foto ma non era possibile avvicinarsi,  vi consiglio vivamente di contemplarlo di persona, se siete da quelle parti..) il corpo è interamente martoriato dai flagelli e l'espressione e la contrattura dei muscoli  esprimono tutta la drammaticità dello svolgersi del Mistero Doloroso..ma anche tutti gli altri particolari sono degni di nota..Non ultimo è utile ricordare la sua collocazione all'interno dell'ospizio di Isenheim dove venivano ricoverati moribondi i colpiti da ergotismo
(avvelenamento causato da un fungo della segale) 


alcuni scorci della chiesa collegiale di St. Martin

Dopo la visita alla cattedrale e per svagarci un po' (dopotutto eravamo anche in vacanza...) un bel giretto nella "Petite Venise" con i canali e le caratteristiche case alsaziane
(e pranzo in un ristorante tipico! )







..e altri deliziosi villaggi sulla strada dei vini





mercoledì 29 agosto 2012

Flastrocche della mia infanzia (in dialetto bergamasco)

La vulcanica Alex - Topogina ne ha inventata un'altra.. per il suo Linky Party di questa settimana ha scelto un tema particolare: i dialetti! Così, dopo aver riflettuto un po', ho pensato ad alcune piccole filastrocche che recitavo da bambina..la difficoltà però è nella scrittura perché nel mio dialetto ci sono alcuni suoni che non corrispondono alle vocali in italiano..speriamo bene!

                                                                                     



Gh'éra öna ölta                                      C'era una volta

Gh'era öna ölta                                                          C'era una volta
Piero se ölta                                                               Piero si volta
Cade la scopa                                                           Cade la scopa
Piero al se copa                                                        Piero si ammazza                                                                                     

(In realtà scopa in dialetto si dice "scüa" ma è in italiano per la rima)



Panigaröla                                                   Lucciola

Panigaröla, vé a bass                                               Lucciola vieni giù
Che te darò pa 'n del lacc,                                       Che ti darò pane e latte  
Che te darò pa 'n del vì,                                            che ti darò pane e vino
Panigaröla, vé a bassì.                                             Lucciola vieni vicino
                                 



Caterina                                                        Caterina
Caterina di corài                                                          Caterina dei coralli
Lea sö che al canta i gai                                            Alzati che cantani i galli 
Al canta i gai co la galina                                           Cantano i galli con la gallina
Lèa sö che l'è matina                                                  Alzati che è mattina



Ögi bèl                                                           Occhietto bello 

ögi bèl, so fradèl                                                         occhietto bello, suo fratello
oregina bèla, so sorèla                                              orecchina bella, sua sorella
cesina di frà, campanelì de sunà                             chiesina dei frati, campanellina da suonare.

(mentre si canta la filastrocca la mamma indica toccando delicatamente gli occhi, le orecchie ,la bocca ed infine il naso del bimbo)




Santa Lösea                 
(che da noi tradizionalmente porta i doni ai bambini)

Santa Lösea, mama méa                                         
Co' la borsa del papà                                                
Santa Löséa la égnerà                                             
La égnera söl mé balcù 
                                                        a portàm ü bel türü                                                                      

Santa Lucia

Santa Lucia, mamma mia
Con la borsa del papà
Santa Lucia verrà
Verrà sul mio balcone
A portarmi un bel torrone.

                       
Con queste filastrocche partecipo al Linky Party n. 24  "Ho un Dialetto per Capello!




lunedì 27 agosto 2012

Ronchamp e..dintorni (Alsazia parte seconda)

Eccomi finalmente ad una meta che desideravo visitare da tempo,  Ronchamp con la sua celeberrima cappella di Notre Dame de Haut, realizzata su progetto di le Corbuisier.






Vederla "dal vivo" in mezzo al verde della natura circostante è stato davvero emozionante..l'avevo solo vista sui testi  di architettura o in tv! Anche fotografare non è stato facile,  essendo in una comitiva bisognava aspettare che i gruppi si allontanassero per non riprendere anche le persone..per fortuna c'era il maritino..da sola non ci sarei mai riuscita!


L'interno è molto suggestivo, appena entrata  sembrava un po' troppo buia,  ma poi l'occhio piano piano si abitua e, dalle finestre simili a feritoie, entrano dei fasci di luce che illuminano la chiesa in diversi punti a secondo dell'ora del giorno..peccato che fosse un po' nuvoloso, anche se poi il sole ha fatto capolino!


"La chiave di lettura: la luce"  

La chiave è la luce
e la luce
ilumina forme
E queste forme hanno 
una potenza emotiva
per il gioco delle proporzioni
per il gioco dei rapporti
                    inattesi, stupefacenti...           L. C.


E proseguendo...


Belfort:  le fortificazioni e la cittadella Vauban


Il panorama visto dalle fortificazioni


Il leone simbolo della valorosa città


La cattedrale dedicata a S. Cristoforo


Mulhouse: la cattedrale  con l' illuminazione notturna


Mulhouse: la piazza

(continua...)

domenica 26 agosto 2012

Tour in Svizzera ed Alsazia- parte prima.

Ciao a tutte,  eccomi di ritorno da un breve "tour spiritual-artistico-culturale" in Svizzera e in Alsazia, ricco di spunti e immagini suggestive,  come il monastero di Einsiedeln, un importante complesso posto sul cammino di S.Giacomo di Compostella. Fondato nell'anno 835 dal monaco Meinrado,  fu riedificato nell'attuale forma barocca nel 1704 con quattro cortili interni, contiene una splendida biblioteca ricca di libri antichi, tra cui preziosi incunaboli e manoscritti, oltre a 230.000 volumi stampati tra il XVI ed il XX secolo.
La  grande chiesa abbaziale ne racchiude al suo interno un'altra, la Cappella delle Grazie, con la famosa Madonna  Nera del XV secolo.


Nel pomeriggio abbiamo visitato Lucerna,  con il suo lago e il caratteristico Kapelbrukche, il ponte coperto, tutto in legno e ricco di dipinti caratteristici..








Il giorno successivo eccoci a Strasburgo, una delle città più belle d'Europa e sede del Parlamento Europeo.  
La cattedrale dedicata a Nostra Signora è in pietra arenaria rosa dei Vosgi ed è davvero imponente..la sua particolarità è la mancanza di una guglia (dovuta prima alla sospensione dei lavori per mancanza di fondi e successivamente non completata per problemi di stabilità). Bellissimo e particolare è anche l'orologio astronomico, con la sfilata delle età dell'uomo e vari effetti "speciali" (si trova all'interno e per vederlo all'opera occorre pagare un ticket) 


La chiesa di S. Thomas è  dedicata al culto protestante e contiene l'organo Sibermann su cui suonò Mozart nel 1778 e un secondo organo Haerper,  più recente e costruito su indicazioni di Albert Schweitzer




Gita in battello sul fiume Ill


Una romantica "cartolina"da Strasburgo


Il Convento di Mont Saint Odile nei pressi di Obernai è un luogo di pellegrinaggio molto suggestivo


Dedicato a S. Odile, patrona dell'Alsazia, offre una magnifica vista sulla regione sino alla Foresta Nera 

I mosaici dorati  della cappella, anche se recenti, sono molto belli e luminosi. 
Spero di non avervi annoiato,
di cose belle e interessanti in questo viaggio ne ho viste moltissime ed, anche a voler essere sintetica, non riesco a concentrarle in un unico post e allora..alla prossima puntata!

venerdì 17 agosto 2012

Letture estive:" L'anima altrove"e..un "Collier galeotto"!

 L'anima altrove è un libro bellissimo e commovente  in cui sono le cose (e non i personaggi) a raccontare storie dolorose di distacco e di esilio ma anche di  tenacia e di speranza.. Dei profughi dell'Istria e dei loro drammi non sapevo molto, in effetti se ne parla raramente.. questo libro  invoglia ad approfondire l'argomento  Qui un interessante intervista con l'autrice,  Anna Maria Mori, giornalista e scrittrice, nata a Pola ai tempi in cui la città era italiana




Un breve brano riportato nell'ultima di copertina:

- Con le parole non riuscivamo bene a comunicare,  ma c'erano le cose: le cose che erano state della "prima vita". 
La "seconda vita" li vedeva combattere, lavorare, e mostrava a tutti il loro coraggio e la loro tenacia. Ma c'era sempre l'ingombro di quella "prima vita", resa invisibile e muta, che continuava a premere, avrebbe voluto uscire, e invece viveva e respirava nei cassetti della scrivania, del comodino, dentro ad una scatola di cartone: pezzi di carta, lettere, fotografie.
Cose piccole o meno piccole che sopravvivono ai proprietari, regalano loro, magari totalmente inconsapevoli, una specie di immortalità.-




Di Andrea Vitali:  " Galeotto fu il collier"  un ennesimo,  piacevole ed intrigante romanzo ambientato a Bellano,  sulle sponde del lago di Lecco.  Di Vitali ho letto quasi tutto, mi piace il suo modo di raccontare, gli intrecci che coinvolgono i suoi personaggi,  gente comune che potresti incontrare un po' dappertutto ma che spesso cela segreti inconfessabili..anche l'ambientazione storica è accurata e verosimile,  leggendolo a me sembra quasi di vedere un film!

Questa la trama del romanzo

 Lidio Cervelli è figlio unico di madre vedova. Un bravo ragazzo, finché alla festa organizzata al Circolo della Vela non arriva Helga: bella, disinibita e abbastanza ubriaca. Prima che finisca la cena, sono in riva al lago: una notte indimenticabile, in cui le chiappe di Helga rilucono come due mezzelune. Lirica, la severa madre di Lidio, abile e ricca imprenditrice dell’edilizia, ha vedute molto diverse. Suo figlio deve trovare una moglie «made in Italy», una ragazza come si deve. Magari la nipote del professor Eugeo Cerretti, Eufemia, un ottimo partito con un piccolo difetto: è brutta da far venire il mal di pancia solo a guardarla. Ma forse Lidio ha trovato il modo per uscire dalla trappola e realizzare tutti i suoi sogni: durante un sopralluogo per un lavoro di ristrutturazione, in un muro maestro scova un gruzzolo di monete d’oro, nascosto chissà da chi e chissà quando. Intorno a questo quintetto e al tesoro di Lidio, un travolgente coro di comprimari. A cominciare dalle due donne più belle del paese: Olghina, giovane sposa del potente professor Cerretti, che fa innamorare Avano Degiurati, direttore della Banca del Mandamento; e Anita, la moglie del muratore Campesi, di cui si incapriccia Beppe Canizza, il focoso segretario della locale sezione del Partito. E poi l’Os de Mort, di professione «assistente contrario», cuochi e contrabbandieri, l’astuto prevosto e l’azzimato avvocato... Immancabili, a vigilare e indagare, i carabinieri guidati dal maresciallo Maccadò.

Buona lettura e buone vacanze!

domenica 12 agosto 2012

Girocollo con ciondolo "orsetto"

Sempre per il progetto Sweet Noel ho preparato  questa collana girocollo con perline e ciondolo "orsettoso" in pasta di mais e, naturalmente,  anche il suo sacchettino in tema!






Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...